RSS
Galleria

Strumenti di marketing turistico 3: il blog

22 Feb

Se vi state chiedendo perché non parto in quarta con i social network, dedicandomi invece a uno strumento apparentemente superato come il blog, be’, vi do una notizia: avere un blog è meno rischioso che avere soltanto pagine sui social (così come avere un sito è meno rischioso che avere soltanto un blog, ma di questo parleremo al momento opportuno).
Un paio d’anni fa i blog sembravano in effetti obsoleti.
Molto meglio usare i social: più rapidi, più agili da aggiornare anche sullo smartphone, vuoi mettere? Scatti una foto, la carichi su Instagram o Facebook e in pochi secondi è fatta. Mentre i blog erano ormai come i romanzi rispetto ai tablet, o il telegrafo ai tempi del fax: lunghi, verbosi, noiosi e non se li filava più nessuno.

Giusto?
Sbagliato. Sul lungo periodo, i blog hanno tenuto e tengono.
Aggiungiamo che voi e io non stiamo pensando ai blog personali delle ragazzine che, invece di chiudersi in camera con il diario segreto munito di lucchetto (bei tempi, quando la segretezza era virtù), confidano i loro amori, idoli musicali e passioni all’universo mondo sbrodolando e miagolando, appunto, in un blog.

Blog, per chi ha un’azienda, turistica magari, e intende fare seriamente marketing, non è una parolaccia. Blog significa pubblicazione on line veloce, gratuita e graficamente accurata dei vostri contenuti promozionali più emozionanti, sotto il vostro solo controllo: vi pare poco?
Certo, bisogna saperlo usare e scegliersi bene la piattaforma. Io per esempio fino a un mese fa mi appoggiavo a Il Cannocchiale; ora sono passata a WordPress, che trovo più versatile, flessibile ed esteticamente più accattivante. Ma ce ne sono molte altre, sia in versione italiana che inglese, e hanno una cosa in comune: la gratuità.
Considerate che farsi un sito web richiede dei costi minimi (almeno 10 euro al mese + l’hosting) e qualche conoscenza informatica in più. Per un’azienda, associazione, istituzione etc. che faccia sul serio, il passaggio prima o poi è inevitabile, ma intanto riflettete su quanto sia bello avere uno strumento relativamente più facile, come appunto il blog, sul quale potete pubblicare testi, foto, video…, programmare la pubblicazione dei vostri articoli (in gergo “post”), ricevere commenti e richieste di informazione.
Ogni piattaforma di blogging contiene, di norma, un regolamento per l’uso e un forum dove potete imparare i primi passaggi, i trucchi del mestiere, i segreti del linguaggio dei blogger.
Cosa aspettate ad approfittarne?

E ricordate, quando posterete le vostre prime offerte turistiche: that’s all marketing!

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 febbraio 2014 in Destination marketing tools, Turismo

 

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: