RSS

Recensioni letterarie pre ponte

04 Dic

Il peggior insegnamento delle scuole di scrittura è: scrivi di quello che conosci. Che poi uno si ritrova a leggere roba così.

È una fortuna però avere letto questo primo romanzo di Guia Soncini subito dopo quello della Lucarelli: i due lavori parlano incidentalmente degli stessi mondi, ma da prospettive completamente diverse e con fini quasi opposti.
Lo dico subito: la Lucarelli mi ha divertita e qua e là fatta proprio ridere. La Soncini, che per la prima volta si cimenta nella fiction, no. È pesante, faticosa, involuta e spesso da rileggere per capire chi e di cosa sta parlando.

Non nego la brillantezza di stile; penso solo che sia il tipico saggio (in questo caso di Teoria e Critica dei Mezzi di Comunicazione di Massa) travestito da romanzo.
Ovviamente i personaggi sono tutti odiosi e posseggono nomi odiosi.
Ovviamente sono tutti così stronzi (o, peggio, stupidi) che è impossibile immedesimarsi o tifare per qualcuno (ovviamente: mica si vorrà negare gli insegnamenti di Brecht sullo straniamento?).
Ovviamente Crudelia Soncini è tanto Crudelia quanto i suoi lettori si aspettano da lei.
Ovviamente si parla di intellettuali di sinistra che fanno televisione o giornali di sinistra e disprezzano il loro pubblico, anche se nel finale si prende abbondantemente per i fondelli anche la macchina del fango di destra.
Ovviamente, anche se il tema è l’amore, i misteri del matrimonio etc., quasi nessuno scopa più, perché ci si limita al sexting.

Insomma, la Lucarelli è l’outsider che, fosse un personaggio della Soncini, vi verrebbe sbeffeggiata almeno quanto Fanny Montestrutto (hanno in comune nomi appariscenti e cognomi mediaticamente imbarazzanti; a entrambe piacciono gli uomini e il sesso; ci tengono ad essere sexy; la Lucarelli poi è ancora più meridionale di Fanny, che almeno è una palazzinara romana).
Anzi, forse in un romanzo della Soncini, sarebbe la colf cubana segretamente laureata in medicina.

Però, guarda caso, la parvenue Lucarelli malgrado le sue tette e le sue extension intuisce da sola, con l’ausilio di una dialettica istintiva, le stesse storture e gli stessi vergognosi segreti che la Soncini svela dalla sua torre d’avorio. E, come lei, ma senza avere bisogno di costruirci su un intero romanzo, sa che ogni matrimonio ha segreti che lo tengono in piedi e che solo da fuori sono inspiegabili.
Torre d’avorio che, sì, la Soncini prende in giro, ma in un altro universo – dove non “erano tutti intelligentissimi” e tutti sono milanesi o almeno ne hanno adottato usi e costumi – non riuscirebbe a vivere.

“Ma non si stancavano mai di essere tutti intelligentissimi?” inveisce un personaggio minore. E appunto questo è il problema del romanzo: che non si ha mai un attimo di tregua, al punto che – e torniamo ai consigli delle scuole di scrittura – sembra di leggere uno di quei romanzacci dove non dei personaggi veri con corpo, voce e carattere, ma dei cervelli immersi in un liquido parlano tra loro, tutti con lo stesso tono monocorde.
Che noia.

qualunque-cosa-significhi-amoreGuia Soncini
Qualunque cosa significhi amore
Editore: Giuntina (Italiana)
Lingua: Italiano
Numero di pagine: 256
Formato: Paperback
Isbn-10: 8809807081 – Isbn-13: 9788809807082
Data di pubblicazione: 2015-05-xx
Edizione 1

 

A parte il bel titolo fossatiano (ma oramai tutti danno titoli di canzoni ai libri), devo dire che la Lucarelli scrittrice sorprende positivamente.

C’è tecnica, c’è controllo della materia e c’è umanità. Siamo qualche gradino sopra la classica chik lit e, nella creazione dei personaggi, che pure risentono molto del deprimente panorama televisivo italico, anche al di sopra del classico siparietto di satira sociale.

Consigliato, insomma.

che-ci-importa-del-mondoSelvaggia Lucarelli
Che ci importa del mondo
Editore: Rizzoli
Lingua: Italiano
Numero di pagine: 535
Formato: Copertina rigida
Isbn-10: 8817073598
Isbn-13: 9788817073592
Data di pubblicazione: 2014
Edizione 1

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 dicembre 2015 in Momenti di felicità su carta

 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: