RSS

Archivi tag: Festivaletteratura

Storie da #festLet: Nick Cave

Il 9 settembre 1999, tra gli eventi del festival, era in programma il concerto di Nick Cave.
Unica data italiana prevista. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 settembre 2014 in Mantova

 

Tag: ,

Gente da #festlet : lo Scriba

Disdegnando le nuove tecnologie, munito soltanto di carta e penna (pardon: di Moleskine e matita smozzicata), per ore e ore ascolta gli scrittori e si fa venire i crampi, prendendo appunti per riportare le frasi più belle.
Quando, una volta a casa, si renderà conto che i suoi graffiti sono indecifrabili (anche da lui) e che esistono lo streaming e il podcast, farà harakiri.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 settembre 2014 in Mantova

 

Tag: ,

Gente da #festlet : la Famiglia da Festival

Si intende qui un aggregato inscindibile di almeno 2 adulti (genitori o nonni) + almeno 2 bambini + almeno 2 passeggini + almeno 1 cane taglia grande, che si sposta in gruppo.
Contrariamente a quanto potrebbero pensare i cinici, la Famiglia da Festival legge moltissimo, cane compreso, e spende più in libri che in pannolini. Va da sé che gli infanti imparano a leggere a 2 anni e mezzo.

PS: hanno anche un gatto, Tolstoj, ma l’hanno lasciato a casa per forza maggiore (in realtà perché il gatto odia il casino e ha preferito restare a leggere sul divano di casa, comodo comodo).

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 settembre 2014 in Mantova

 

Tag: ,

Gente da #festlet : il Partner che Non Legge

Etero, gay o Lgtb, è venuto a Mantova soltanto per accompagnare il/la moroso /a intellettuale e bibliomane, di cui è innamoratissimo e segretamente geloso.
Per 4 giorni farà shopping selvaggio se donna, si ubriacherà con drink acquosi e carissimi se uomo.
Ad ogni modo, aiuterà il PIL e farà felice la Confesercenti.
Poi non si dica che la cultura non dà il pane.

 
1 Commento

Pubblicato da su 4 settembre 2014 in Mantova

 

Tag: ,

Gente da #festlet : l’Isterico del Settimo Giorno

Afflitto da grave narcisismo isterico, si fa riconoscere dai seguenti sintomi:
a) decide di venire a Mantova giusto alla vigilia del festival
b) è sinceramente convinto che troverà una camera libera, centralissima, con vista su Palazzo Ducale, a 30 euro
c) è sinceramente stupito che la proposta più vicina ai suoi deliri sia una quadrupla a 20 km dalla città, zozza, con bagno in comune, da dividere con 3 sconosciuti, a 120 euro senza colazione.
d) non avendo la patente, farà scenate a chiunque entrerà in contatto con lui, quando si renderà conto che i taxi sono pochi e cari, i bus terminano le corse alle 20 e nessuno dei suoi conoscenti festivalieri ha tempo o voglia di scarrozzarlo tutte le sere in albergo.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 settembre 2014 in Mantova

 

Tag: ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: