RSS

Archivi tag: berlino

È bellissimo il vostro pianeta

Deliziosa, velocissima lettura situata fra Swift, le Lettere persiane e quella minuscola ma preziosa tradizione surrealista italiana (Labranca, Cavazzoni, Pincio, Nori, lo stesso Aldo Nove ) il cui capostipite è l’ottocentesco Ernesto Ragazzoni.
Questo sguardo estraniato da viaggiatore interstellare è, forse a ragione, lo strumento migliore per capire l’attrazione/ripulsa di noi italiani per il Pianeta in oggetto.

Read the rest of this entry »

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 gennaio 2015 in Momenti di felicità su carta

 

Tag: , , , ,

Berliner Express

Non sono assolutamente in grado di spiegare il perché.
Però so per certo che il russo Kaminer, naturalizzato tedesco e autore di romanzi scritti in lingua tedesca (molto quotato è il suo Russendisko), è un grandissimo scrittore e che, con trucchi finissimi, fa anche ridere parecchio. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 agosto 2014 in Momenti di felicità su carta

 

Tag: , , ,

Salam Berlino

Mi chiamo Hasan Kazan. A Berlino qualcuno mi chiama “Hansi”, anche se i miei genitori mi hanno dato il bel nome di Hasan Selim Khan. Già, i miei… Lasciarono Istanbul anni fa ed emigrarono a Berlino ovest, nel quartiere di Kreuzberg. Lì sono nato io.
I miei credevano nell’occidente. Per loro significava progresso, tecnologia e lavoro. Ma quando io e mio fratello crescemmo ed entrammo in contatto con i valori occidentali, la morale e l’educazione fecero dietro front. Avevano paura che a Berlino fumassimo gli “spinelli” e diventassimo «hippy” o “gay”. Per questo motivo ci mandarono alla scuola tedesca di Istanbul. Avevo tredici anni.
Baba, mio padre, rimase a Berlino. Aveva un’agenzia di viaggi. E tutti gli anni facevamo la spola, su e giù fra Istanbul-Berlino-Istanbul, avanti e indietro. A quel tempo, i miei non potevano immaginare che anni dopo la gente ci avrebbe chiamati qui kanaki e là almanci. Kanaki all’andata, almanci al ritorno. Non me ne fregava un accidenti, Io ero com’ero. Ero uno di Kreuzberg che si gettava a capofitto nella vita, pieno di curiosità e una gran voglia di darci dentro.
Tutto cominciò un giovedì sera, nel novembre ’89.
E da quel giorno in poi niente fu più come prima.

Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 agosto 2014 in Momenti di felicità su carta

 

Tag: , , ,

Bowie in Berlin

BERLIN_POSTER_DAVID_BOWIEUna mostra multimediale per un artista multimediale, incapace di accontentarsi del déja-vu, uno che ha sempre usato (con altissimo rischio fraintendimento) il suo corpo, le mani, il trucco, l’abbigliamento per creare non solo canzoni indimenticabili ma anche mimica, cinema, teatro, pittura. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 agosto 2014 in Diario

 

Tag: , ,

Thomas Brussig: Eroi come noi

Sulfurea e fantastica pseudo-autobiografia di uno sgangherato Paperino della DDR, oscillante fra ossessioni sessuali alla Alexander Portnoy e nostalgie crepuscolari alla Zeno Cosini. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 agosto 2014 in Momenti di felicità su carta

 

Tag: , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: